Onu e Oms, battaglia contro grassi e sale

Le Nazioni Unite e l'Organizzazione mondiale della sanità prendono una posizione netta contro gli alimenti ricchi di grassi saturi e sale. Allo studio una moratoria per far sì che i Paesi frenino il consumo di alcuni alimenti per prevenire le malattie non trasmissibili, da quelle cardiovascolari a quelle metaboliche, che ogni anno, nel mondo, uccidono 41 milioni di persone e che rappresentano il 71 per cento delle cause di morte. Come per le sigarette, potrebbero arrivare le etichette che li definiscono nocivi per la salute. Tra i cibi nel mirino ci sarebbero anche il parmigiano, il prosciutto e la pizza. Il tema verrà affrontato il prossimo 27 settembre a New York.