Arrestato "untore" Hiv ad Ancona: 200 vittime

Sapeva di essere sieropositivo da undici anni, ma aveva rapporti sessuali senza adottare alcuna precauzione e senza avvisare le sue partner. Per questo un 35enne di Ancona è stato arrestato, in seguito alla denuncia di una donna con cui aveva una relazione dallo scorso dicembre. Insospettita da alcuni sintomi, la donna si è sottoposta al test dell’hiv presso il reparto Malattie Infettive dell´Ospedale di Torrette di Ancona, scoprendo di essere positiva al virus. Le indagini sono state svolte dalla Squadra Mobile di Ancona, coordinata per la delicatezza dell’indagine dal Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, Sezione Reati di Genere, guidati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona. Le forze dell’ordine hanno anche perquisito l’appartamento dove viveva l’uomo, sequestrando computer, tablet, telefonini e supporti informatici, strumenti con cui il 35enne chattava in cerca di nuove frequentazioni. A sorprendere gli investigatori, durante l’arresto, è stato il rifiuto, da parte dell’uomo, di considerarsi malato, convinto dell’inesistenza di hiv e aids. L’uomo è stato arrestato e si trova ora nel carcere di Ancona.