Di Maio: «Boeri? Se un presidente Inps comincia a insultare non va più bene»

(LaPresse) "Se un presidente dell'Inps comincia a insultare a me non va bene più, perché qui stiamo parlando di lealtà tra le istituzioni. Se il presidente dell'Inps Boeri ha delle idee contrarie e ritiene che le mie siano sbagliate ha tutto il diritto di dirlo. Però se cominciamo a dire che mi sto distaccando dalla crosta terrestre, allora stiamo andando oltre". Così il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, sulle tensioni con il presidente dell'Inps, Tito Boeri. "Io non ho il potere di rimuovere questa persona. O scade o resta lì", ha aggiunto il vicepremier pentastellato.