Ue, Alemanno: «Sabato in piazza contro retorica e propaganda europeista»

«Questo corteo vuole essere testimonianza di un popolo e di un partito che sta crescendo: gente visibile, con degli ideali. Eurocritici con una loro idea d'Europa che, sessanta anni dopo i Trattati, non è quella che sognavamo: politicamente, militarmente, valorialmente. Invece l'Ue si impoverisce oggettivamente, non mantiene il passo di altre economie emergenti, non puo' garantire futuro alle giovani generazioni. E allora è giusto esserci. E, in cauda venenum, sbaglia chi pensa che un ex sindaco, un ex governatore, ex uomini di governo possano essere degli irresponsabili che chiamano alla rivolta, mentre altri piu' responsabili si chiudono in una stanza per un convegno invece di sfilare con il Polo sovranista».