Alessandro Di Carlo, da Zelig al Sistina: «Nella vita ho preso tanti pugni, la risata mi ha salvato»