Papa:In Siria tacciano le armi,accordo su Libia trovi sostegno di tutti

“Possano Israeliani e Palestinesi riprendere un dialogo diretto e giungere a un'intesa che permetta ai due Popoli di convivere in armonia, superando un conflitto che li ha lungamente contrapposti, con gravi ripercussioni sull'intera Regione". Sono le parole di Papa Francesco pronunciate dalla loggia centrale di San Pietro, nel messaggio natalizio ai fedeli presenti in piazza San Pietro prima della benedizione 'Urbi et Orbi'. "Al Signore – ha proseguito - domandiamo che l'intesa raggiunta in seno alle Nazioni Unite riesca quanto prima a far tacere il fragore delle armi in Siria e a rimediare alla gravissima situazione umanitaria della popolazione stremata. È altrettante urgente che l'accordo sulla Libia trovi il sostegno di tutti, affinché si superino le gravi divisioni e violenze che affliggono il Paese". "L'attenzione della Comunità internazionale sia unanimemente rivolta a far cessare le atrocità che, sia in quei Paesi come pure in Iraq, Yemen e nell'Africa subsahariana – ha detto ancora il Pontefice - tuttora mietono numerose vittime, causano immani sofferenze e non risparmiano neppure il patrimonio storico e culturale di interi popoli”.