Bombe in moschea a Kano in Nigeria: 35 morti

Trentacinque persone sono morte in seguito a una serie di esplosioni di bombe avvenute nella moschea di Kano, in Nigeria. Il vice commissario della polizia dello Stato di Kano, Sanusi Lemu, afferma che altre 150 persone hanno subìto ferite di varia entità. Le esplosioni si sono verificate mentre centinaia di persone erano radunate nella moschea per ascoltare un sermone. Subito dopo le esplosioni moltissimi giovani sono scesi in strada infuriati, lanciando pietre e brandendo bastoni contro le forze dell’ordine. Boko Haram non ha rivendicato formalmente la responsabilità dell’attacco che però presenta i tratti distintivi degli attentati compiuti dal gruppo di militanti. Nelle stesse ore la polizia della Nigeria ha disinnescato sei bombe lasciate vicino a una moschea e a un mercato di Maiduguri, nel nordest del Paese. L’attentato alla moschea è stato definito dal segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon un atto “orribile”.