Macerata, Traini: «Volevo uccidere il killer di Pamela in Tribunale»

«Volevo andare in tribunale e fare giustizia. Volevo colpire lo spacciatore nigeriano ma poi ho cambiato idea». Così Luca Traini, il 28enne che ha sparato su un gruppo di stranieri a Macerata ferendo sei persone di colore, ha motivato il suo gesto di violenza. L'intenzione era quindi quella di uccidere il nigeriano Innocent Oseghale, il presunto assassino della 18enne Pamela Mastropietro, che era in tribunale per l'udienza di convalida dell'arresto. Traini, che poi avrebbe cambiato idea cominciando a sparare contro gli immigrati in strada, è accusato di strage aggravata dalla finalità di razzismo.