Claudio Santamaria, "Brutto e cattivo": «Ho imparato a farmi scivolare le cose addosso»